Sulla rotta dei Monti naviganti
Workshop di fotografia di viaggio nelle valli di Zeri
24-27 settembre 2021

IMG_2664.jpg

“Zeri veste del proprio pelo e mangia del proprio pane”  

                                                         - “La leggenda dei monti naviganti” - Paolo Rumiz

Ci sono luoghi del mondo che sembra si siano fermati nel tempo, come isole immobili in un mare che è in perpetuo movimento. Zeri è sicuramente una di queste isole.

Le valli di Zeri sono situate in Lunigiana ( terra di confine divisa tra Toscana, Liguria ed Emilia Romagna) e sono note fin dall’antichità per  la caparbietà e l’attaccamento alle proprie radici degli abitanti: è questo, infatti, il territorio in cui stanziavano le tribù degli Apuani, popolo temuto anche dagli antichi romani, e della resistenza partigiana.

 

Ad oggi nelle valli è ancora radicato un forte attaccamento alla cultura locale riscontrabile sia nel territorio sia nelle attività svolte dagli abitanti delle valli: il popolo di Zeri e le sue tradizioni sono un piccolo tesoro nascosto tra gli Appennini Tosco - Emiliani.


 

Obiettivi del workshop

 

Negli ultimi anni la fotografia di viaggio è entrata sempre di più nella nostra quotidianità, rendendoci sia autori che fruitori di immagini che ci raccontano territori e culture di tutto il mondo. 

Il workshop è un’occasione per acquisire gli strumenti teorici e pratici per raccontare un territorio in profondità attraverso la fotografia. 

Immergendosi nel contesto paesaggistico delle valli e nella cultura delle persone del luogo i partecipanti potranno non solo migliorare nella fase di scatto, ma capire ed imparare anche quelle che sono le dinamiche di selezione delle immagini ai fini di costruire un racconto che mostri l’esperienza vissuta.

Struttura

Il workshop si svolgerà dal 24 al 27 settembre nelle Valli di Zeri e sarà condotto dai fotografi Yarin Trotta Del vecchio e Maurizio di Pietro in collaborazione con l'associazione ASA Project ( www.asaproject.it ).

I partecipanti potranno:

  • migliorare le proprie abilità nella sessione di scatto (interpretazione della situazione, condizioni di luce, posizionamento, ecc..); 

  • comprendere l’uso della composizione e delle tecniche fotografiche finalizzate al genere;

  • comprendere i concetti base della selezione delle immagini;

  • fare esperienza nella costruzione di sequenze fotografiche;

  • organizzare il lavoro per la sua presentazione sotto forma di portfolio o pubblicazione (a Roma presso la sede dell'associazione ASA Project)

Info e costi

Il costo del workshop è di 350 euro. Per altre informazioni e per i dettagli del programma del workshop inviare un'email ad info.asaproj@gmail.com

Bio docenti

Maurizio Di Pietro

Nato a Torino nel 1974. Dopo la laurea inizia a collaborare con alcune ONG documentandone il lavoro tramite progetti fotografici in Marocco, Sri Lanka, Guatemala e Palestina. Parte della sua formazione fotografica avviene alla scuola di Fotografia “WSP Photography” di Roma, dove infine collabora come docente tra il 2018 e il 2019.

Tra il 2016 e il 2017 lavora a progetti fotografici riguardanti la disabilità mentale, e in seguito si dedica agli effetti del cambiamento climatico nel Kenya del nord. Questo lavoro gli è valso alcuni award, tra cui il Lucie, e diverse pubblicazioni nazionali e internazionali tra cui il Der Spiegel e il Corriere della Sera. Preferisce lavorare su temi sociali e progetti a lungo termine. Nel 2020 ha infatti concluso un lavoro intimo e personale durato 4 anni, sul concetto di famiglia e assenza.

 

www.mauriziodipietro.org

https://www.instagram.com/mauriziodipietro_

Yarin Trotta del Vecchio

 

Nato a Roma nel 1991,i l suo percorso di formazione fotografica comincia nel 2014 e culmina nel 2017 con un Master in Reportage presso il WSP di Roma.

Attualmente si occupa di progetti a lungo termine concentrandosi principalmente su tematiche di carattere sociale.

I suoi lavori hanno ottenuto riconoscimenti nazionali ed internazionali , tra i quali: l’inserimento tra i finalisti del Festival Internazionale di Fotogiornalismo Vilnius Photo Circle nel 2017 e nel 2020, la nomina nella Shortlist dei Kolga Awards 2020 e 2021, l’inserimento nella collezione dell’Italy Photo Award 2020 ed il bronzo al Prix de la Photographie Paris 2020. Collabora con testate nazionali ed internazionali e dal 2020 fa parte della Fellowship dell’agenzia fotografica Parallelozero.

Il suo progetto “Bred Love - L’amore allevato” riguardante la storia di Cinzia Angiolini e della valle di Rossano di Zeri è stato esposto in Italia e all’estero ed ha ottenuto vari riconoscimenti tra i quali una menzione d’onore ai Moscow International Foto Awards ed il terzo posto al Festival Internazionale di Fotogiornalismo Vilnius Photo Circle.